Cuore a Cuore di Doreen Virtue – Episodio 7 – Le persone ipersensibili

doreen cuore 9_15 ottobre.00_09_23_29.Immagine005

Guarda il messaggio di Doreen per questa settimana
(clicca qui per commentare)

Ciao Amici, sono Doreen. Benvenuti al nuovo episodio di Cuore a Cuore in cui parliamo di ciò che accade nella nostra vita e troviamo un sostegno spirituale. Bene. Volevo proprio sapere come state. E quando ho pregato per ricevere una guida in merito all’argomento da affrontare oggi ho ricevuto una sensazione molto forte che mi consigliava di parlare di che cosa significa essere persone ipersensibili ed empatiche. Qualcuno è molto intuitivo, qualcun altro prova sensazioni molto forti. … Sentite i cavalli che nitriscono? Siamo all’aperto, in una giornata un po’ ventosa, ma speriamo che il tempo sia clemente e ci permetta di stare insieme, qui all’aperto. Prima di tutto, voglio dire che so che cosa significa essere ipersensibili. È una situazione cui mi sono rapportata per tutta la vita.

I miei stessi genitori erano ipersensibili, in particolare mio padre, che era molto empatico. Forse siete anche voi siete ipersensibili. Una persona ipersensibile è in grado di sentire ciò che provano gli altri. E a volte confonde i sentimenti degli altri con i propri. Probabilmente anche i vostri sensi percettivi sono particolarmente sviluppati. Forse siete ipersensibili alle sostanze chimiche, ai profumi, agli odori. Potreste essere ipersensibili ai rumori e aver difficoltà ad ascoltare qualunque musica che non sia armoniosa. Forse siete ipersensibili alla violenza, inclusa quella emotiva e psicologica in cui le persone si denigrano a vicenda e non si rispettano. Per questo, dovete scegliere con molta attenzione quali programmi seguire al cinema, in televisione e su altri media. Perché, se assistete a qualunque espressione di rabbia o di ostilità, questa vi ferisce, fisicamente ed emotivamente. Le persone ipersensibili possono instaurare anche legami di co-dipendenza. In passato ho affrontato, in diverse occasioni, questo problema, quando lavoravo come psicoterapeuta.

Quando le persone sono infelici, anche noi possiamo diventare tristi. E allora possiamo anche virare in una forma di co-dipendenza, che è dispotica e in cui esigiamo che le altre persone siano felici e, se non lo sono, ci arrabbiamo. Quindi, dobbiamo prestare a questo aspetto, perché la nostra sensibilità è uno dei doni divini, un frutto dello Spirito. Lasciate che vi legga il passo della Bibbia in cui si parla di frutti dello Spirito. È nella Lettera ai Galati 5:22.

Nella nostra vita, lo Spirito Santo produce questo tipo di frutti: amore, gioia, pace, pazienza, gentilezza, bontà, fede, dolcezza”. Credo che una caratteristica peculiare delle persone ipersensibili sia la dolcezza e il bisogno di dolcezza nella propria vita. “… e autocontrollo”. Anche l’autocontrollo è uno dei frutti dello Spirito. Quindi, se vi accorgete che intorno a voi mancano queste qualità, la situazione può risultarvi difficile. Voglio parlare con voi di come affrontare situazioni – come il lavoro o le relazioni interpersonali – che non sono adatte a una persona ipersensibile.

Tutti sappiamo che siamo qui per essere amorevoli, per portare pace in questo mondo. Lo capiamo razionalmente e spesso anche nel profondo. Ma questo significa che dobbiamo trascorrere il nostro tempo insieme a chiunque? Anche con chi di continuo dice cose o compie azioni che feriscono noi che siamo persone ipersensibili? Come dovremmo comportarci? Nei Proverbi ho trovato una guida che mi ha aiutato molto e vi voglio leggere il passo corrispondente. Proverbio 22:24.

Fino a prima di leggere questo Proverbio, ritenevo che, quand’ero in compagnia di persone arrabbiate parte della mia missione consistesse nell’alleviare la loro rabbia. Tutti si arrabbiano, non è un peccato grave. Ma alcune persone sembrano sempre prigioniere della rabbia. E forse avete conosciuto qualcuno così, che prende tutto sul personale e come un affronto. E pensa che ogni osservazione sia una critica nei suoi confronti. E per questo motivo litiga con tutti e combatte contro ogni cosa, quasi senza sosta. Ero solita trascorrere molto tempo con persone così, pensando di poterle aiutare. E questo Proverbio mi è stato molto di aiuto. Adesso ve lo leggo e poi ne discuteremo. Dice: “Non stringere amicizia con persone iraconde e non accompagnarti a persone colleriche o imparerai a comportarti come loro e metterai a rischio la tua anima.”

Sia nella Lettera a Tito 3:10 sia nella Lettera ai Romani 16:17, la Bibbia c’invita a evitare chi crea divisioni. Queste sono le persone che amano rimestare il pentolone del dramma. Avete mai incontrato qualcuno così, che ama mettere gli uni contro gli altri, affermando: “Lui ha detto, lei ha detto…”? Di solito sono persone che amano i pettegolezzi e fomentano le discussioni, perché si annoiano facilmente e amano il dramma. Come forse sapete, le persone che hanno una vita drammatica spesso hanno vissuto un trauma.

Un effetto del disturbo da stress post-traumatico è proprio quest’attrazione verso il dramma e un sentimento di noia e di sfiducia verso la tranquillità. Per questo motivo, proviamo empatia per le persone che sembrano prigioniere del meccanismo della rabbia o del dramma. Ma dobbiamo essere molto cauti con le nostre risorse. Una di queste risorse è il tempo. Se dedichiamo tutto il nostro tempo a cercare di aiutare persone che non vogliono stare meglio o non vogliono aiuto questo ci allontana da situazioni in cui potremmo realmente essere utili.

Per quanto riguarda la sensibilità, possiamo notare che, più apriamo il nostro cuore all’amore di Dio, che è vero amore incondizionato … Dio vi ama più di quanto possiamo spiegare a parole! In questo modo apriamo il nostro cuore. È come trasformarci in una nuova persona!

E allora perché costruiamo mura e fortificazioni intorno al nostro cuore? Per proteggerci dalle ferite. È questo che lo facciamo. Tutti noi siamo stati feriti, traditi, delusi e abbiamo sperimentato perdite tremende. E, quando questo accade, abbiamo una scelta. Possiamo spegnere e anestetizzare il nostro cuore, per evitare di soffrire ancora. Ma, quando ci comportiamo così, ci perdiamo il bello della vita, rinunciamo a ogni occasione di essere amati.

Quando invece ci permettiamo di soffrire e ci sembra che il nostro cuore si spezzi, questa frattura rompe le fortificazioni che abbiamo innalzato. E così possiamo usare il nostro dolore per aiutare gli altri.

Sapete, una delle frasi più brevi della Bibbia… Sapete qual è? Sembra un quiz! È in Giovanni 11:35, la frase più breve della Bibbia. “Gesù pianse”. Questa frase mostra che l’uomo più forte mai vissuto sulla Terra – che era sceso direttamente dal Cielo – pianse, quando l’amico Lazzaro morì. Quindi è normale piangere! E credo che sia anche un modo per purificare il nostro corpo.

Voglio prendere una carta del set delle Parole amorevoli di Gesù..

Questa carta è bellissima: “Vi lascio la pace, vi do la mia pace”. Giovanni 14:27

carta

In tutti i Vangeli, Gesù racconta di come Egli non sia di questo mondo, per cui ci dona la pace di un altro mondo.

Questa pace che, come dice Paolo, oltrepassa la comprensione.

Grazie per essere stati con me, Cuore a Cuore.

E dal mio cuore vi invio tantissimo amore.

Ci vediamo settimana prossima!

Postato in Messaggio Settimanale.

23 Commenti

  1. Cara Mirella,
    scusami ma ho letto il messaggio che hai lasciato e mi “sento” di lasciarti un abbraccio virtuale, sperando che ti sia d’aiuto. Cerca di non sentirti così sola … sono certa che tu sia una splendida anima che è qui per un motivo importante.
    Un abbraccio.
    Morgana

  2. ti conosco solo da poco ed ho appena letto “Come ascoltare
    il tuo Angelo”. Sono rimasta sola al mondo, ho perso mio figlio
    che aveva 46 anni e da poco anche mio marito e questa solitudine mi sta veramente uccidendo.Sono religiosa, ma non riesco più a trovare la forza dentro di me; se puoi aiutami anche il mio o meglio “I miei Angeli” lassù….sembrano tacere… Un abbraccio da Miri

    Miri

  3. Ciao Doreen,mi sono precisamente riconosciuto nell’ipersensibilità e sto cercando di uscire da un trauma subito da una persona che ho amato tantissimo ma sempre arrabbiata contro tutti.Ti seguo con affetto e mando un abbraccio a te ed a tutti quelli che stanno con noi.Dio benedica le nostre famiglie,ciao,Franco.

  4. Anche questo articolo è bellissimo, mi ci rivedo tanto come persona ipersensibile , infatti sono sensibile a tutti gli odori chimici, rumori forti, musica evimetal , quindi ti ringrazio perchè si fortifica in me , il fatto che la devo vedere come un dono , ciao

  5. Ciao Doreen,
    Ho una domanda sciocca ma forse tu mi potrai rispondere. È da oltre 2 anni a questa parte che dopo poco che indosso un orologio durante la notte questi si fermano o rallentano. Qualche volta succede anche di giorno. Restano indietro anche di poco. Non importa quale orologio indosso ne ho di nuovi e non, ma succede a distanza di qualche giorno o mese. Fino ad ora qullo che è durato di più era del compagno di mia mamma è andato avanti 3 mesi… anche se spesso lo risistemavo. Premetto che gli ho fatto cambiare batteria e l’ho portato a far sistemare, ma non ho risolto. In passato non mi era mai successo il mio primo orologio è durato 3 anni il secondo 10 e l’ultimo 7 prima che comonciasse ad avere il problema che hanno tutti gli altri ora. Cmq se li lascio nel cassetto a distanza di un paio di mesi ripartono e non sbagliano il minuto. Ma se li rimetto, dopo una notte, ricomincia lo stesso problema. È forse più una coincidenza ma capita spesso quando le persone a me vicine non stanno bene o quando anche io non mi sento benissimo.
    Ti ringrazio del tuo tempo.
    Se riuscirai a rispondere alla mia curiosità.
    Buon lavoro e grazie a cbi ha creato questo sito
    Sara

  6. Cara Doeen ho chiesto tanto aiuto agli angeli per questa mia situazione affettiva E anziché migliorare le cose sono precipitate in maniera esponenziale la persona che amavo non vuole neanche più vedermi perché abbiamo avuto tanti tanti dissapori ma e dissapori …. cerco sostegno dagli angeli ma sono molto in difficoltà ora……

    • Chiedendo aiuto agli angeli sono intervenuti secondo ciò che è meglio per te, non secondo come vuoi tu. Il meglio per te è liberarti di questa persona. Fidati di questo, sii grata del loro aiuto e volta pagina immediatamente con gioia e riconoscenza. Di meglio è pronto per te se gli permetterai di raggiungerti. Un abbraccio

  7. Grazie Doreen, questi post “CUORE A CUORE” riescono a donare tanta serenità. grazie di cuore e che la PACE DI GESU’ E LA BENEDIZIONE DEL PADRE SIANO SEMPRE CON TE

  8. Grazie di cuore Doreen,
    Ascoltare il tuo messaggio é stato illuminante! Ed é stato come se il messaggio fosse rivolto a me!
    Oggi per la prima volta, ho scoperto una parte di me.

  9. Ti voglio bene Dorren grazie il Dio Altissimo nel nome di Gesù ti benedica e ti protegga guidi i tuoi passi e ti ami sempre ciao

  10. Grazie Doreen, messaggio molto utile e illuminante…perchè
    ogni giorno capita di incontrare situazioni con persone iraconde e colleriche….e come dici si può incorrere in errore
    pensando di aiutarle…..ma non è cosi…l’invito della Bibbia è
    di evitare chi crea divisioni. Angela

  11. Grazie Doreen trovo che i tuoi messaggi siano oltre che di grande aiuto e conforto.un vero toccasana a anima cuore e mente…sei eccezionale

  12. Mentre leggevo, mi sentivo come se stessi parlando di me. Nel mio cuore c’è spesso tempesta perché sono molto empatica e tante persone intorno a me sono preda di queste basse emozioni. Quindi, proprio come dici tu, faccio di tutto per placare la loro furia. Spossandomi. Ora che ho letto i tuoi incoraggiamenti mi sento piu forte perché so che posso allontanarmi e lasciarli cuocere nel loro brodo. Grazie Doreen. Con tutto il cuore.

  13. Anche io sono una persona ipersensibile e per questo sono sempre triste e scoraggiata! Ti prego Doreen prega anche per me affinché anche io possa finalmente vivere tutti i frutti dello Spirito Santo.Grazie di cuore

  14. ascoltare Doreen è veramente una gioia i suoi messaggi riscaldano il cuore e danno pace – oso dire che le sue parole qualche volta sono anche più illuminanti e coinvolgenti di certe omelie che sento in chiesa la domenica – veri doni dello Spirito Santo – grazie a
    Doreen Virtue e alla redazione di Mylife

  15. Io sono una persona ipersensibile , e delle volte mi sento in grande difficoltà , in un mondo dove è più importante apparire che essere . Grazie per il sostegno che ricevo da voi tutte le settimane

Cosa ne pensi? Scrivi il tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *